Archivi categoria: Vinyls

Addio Gita, il tempo è scaduto: Vinyls nel baratro

Il tempo è scaduto: i soldi annunciati da Gita ancora non si vedono e il ministro Romani ha deciso di non concedere altre proroghe al fondo svizzero-tedesco.
La vertenza Vinyls riparte dalle altre offerte presentate al bando.
povera delegazione
SASSARI Il tempo delle proroghe è scaduto, i soldi annunciati quindici giorni fa ancora non si vedono e il ministro chiude le porte a Gita. Romani, lo stesso che a dicembre aveva definito gli investitori svizzeri «persone serie e affidabili», dopo un rosario di rinvii e scadenze mai rispettate dice che è arrivato il momento di guardare avanti, «prendendo in esame anche altre proposte». Per la Vinyls è buio fitto. Martedì i sindacati e le istituzioni saranno a Roma, al tavolo convocato al Mise per fare il punto della situazione. Sotto, a manifestare nella piazza, ci saranno anche gli operai.

La mazzata arriva alle 7 di sera, quando le banche sono chiuse da un pezzo e dal Veneto arriva la conferma che dei 100 milioni versati da Gita non c’è traccia. Nonostante le ultime rassicurazioni da parte dell’amministratore delegato Giovanni Unali, che mercoledì sera aveva ribadito che l’operazione sarebbe andata prestissimo a buon fine, la bella notizia non è arrivata. E il ministro Paolo Romani, che insieme ai commissari straordinari della Vinyls aveva stabilito quella di ieri, venerdì 15 aprile, come la data finale, ha deciso che «la difficile situazione finanziaria di Vinyls Italia e le legittime aspettative dei suoi lavoratori non consentono ulteriori proroghe dei termini». Sarà vero? In questa storia in cui si è detto tutto e il contrario di tutto, dubitare appare legittimo. Anche perché, dietro la porta, non ci sono altri acquirenti pronti a regalare un futuro sereno agli operai della Vinyls.

Ci sono due offerte, una targata Dioki e l’altra Igs, che prefigurano lo scenario spezzatino (con la chiusura dello stabilimento di Porto Marghera) e dunque l’addio al ciclo integrato del clorosoda, quello al quale è (o era) interessato il fondo Gita. E la «tutela del tessuto industriale e dei livelli occupazionali resta una delle priorità del nostro governo, soprattutto in un comparto così strategico come quello chimico», ha ribadito anche ieri sera il ministro Romani. Dunque, pur se la porta è ufficialmente chiusa, è probabile possa riaprirsi nel caso i 100 milioni (più 1milione 400mila euro per gli stipendi di febbraio e marzo), dovessero finalmente comparire.

Pochi pensano che accadrà, per nulla fiducioso è il presidente di Syndial Leonardo Bellodi, che con Gita il 1º marzo aveva firmato l’accordo per la cessione del ciclo del cloro: «La misura è colma, gli svizzeri hanno disatteso gli impegni troppe volte. Peccato, perché sembravano persone serie, ora a continuare a dargli fiducia si rischia di sfiorare il ridicolo. Per riacquistare credibilità, questi signori hanno un’unica strada: pagare, subito». E a chi sostiene che tocchi a Eni farsi carico della situazione, Bellodi dice che «Eni è uscita dal pvc da un pezzo, esattamente dal 1985. Dunque mettere una pezza in questa situazione non è compito suo».

Mipev
Leggi il resto di questa voce

Annunci
Antimafia TV [Blog]

CONTRO TUTTE LE MAFIE

Sardigna Natzione

Indipendentzia (Distretto di Cagliari)

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: